Cerca nel blog

domenica 19 maggio 2013

Rengeteg

Cani e pesci


Film ungherese del 2003 diretto da Benedek Filegauf.

Una ragazza trova addormentato sul divano di casa un perfetto sconosciuto con il suo cane. Alla ragazza stupita l'uomo dichiara di volersi suicidare e lasciare a lei il cane. Un padre non riesce a capacitarsi che la propria figlia stia crescendo, che si stia trasformando fisicamente, che non è più la stessa bambina di un tempo e che stia diventando provocante. La cosa lo lascia di stucco. Due ragazze in una impenetrabile foresta vanno alla ricerca di un amico che si è perso, dopo aver dissolto la propria fortuna in un tritacarne.

Certe volte la vita gioca a nascondino, ti sorprende, ti stupisce, ti lascia letteralmente senza parole. Mai mi sarei aspettata che una mattina potessi trovare addormentato sul divano un perfetto sconosciuto. Dormiva placidamente, e sonnecchiava anche il suo cane, russando per di più.  Se non avessi provveduto a svegliarlo, avrebbe dormito per giorni, per settimane. Una volta destato, ancora intontito, come se niente fosse, mi disse: "Dovresti occuparti del mio cane; è vaccinato, educato, di buon carattere, non ti darà problemi, devi solo portarlo fuori due volte al giorno. Non importa chi sono, non importa se non mi conosci, ma devi assolutamente farlo, devi occuparti di lui. E dargli da mangiare la sera, dopo la passeggiata. Questo cane ti ha scelto un giorno, tempo fa. Ora devo andare. Vado a suicidarmi." Sì, spesso la vita può stupirti, ma in quel momento ero pervasa dalla sensazione che non ci fosse nulla di straordinario nel momento che stavo vivendo. Era come se lo avessi già vissuto. E un cane mi faceva comodo.

Film molto strano, tante scenette grottesche, raccontate da personaggi ripresi sempre in primo piano. Le varie scene non hanno un filo conduttore comune, sono indipendenti l'una dall'altra (tranne che nel prologo, dove compaiono tutti i personaggi). In definitiva, un film decisamente originale, ma di non facile visione.

7/10
 Rengeteg
(2003) on IMDb


musica appropriata: The Mostar diving club, Circus of fools





13 commenti:

  1. Orpo, l'hai visto anche tu? Sono mesi che mi riprometto di scaricarlo e non lo faccio mai (a dire il vero l'avevo fatto una volta, ma mi era uscito hard-subbato in tedesco e, insomma, era inguardabile), e onestamente quel 7 è contro ogni aspettativa che mi son fatto. Del regista ho visto solo quello sui cloni - non granché - ma dicono tutti che, effettivamente, sia una spanna sotto rispetto i precedenti lavori e che questo meriti molto di più, e 'st'estate voglio assolutamente vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi te lo passo con piacere.
      In effetti, rispetto a Womb è altra cosa. Un film completamente diverso. Ma tu hai probabilmente una predisposizione innata per i film ungheresi e potrebbe piacerti :)

      Elimina
    2. Grazie, ma mio fratello l'ha già trovato (assieme al torrent con tutti i film di Sokurov sottotitolati in italiano). Tu e lui avete una dote che io non ho, evidentemente: a me tocca girare giorni per beccare un film.

      Comunque, stavo pensando che, effettivamente, il cinema ungherese mi affascina ogni volta che ne vedo un film, ma conosco così poco...

      Elimina
    3. Anche a me piacerebbe conoscere qualcosa in più di questa cinematografia.
      Conosci Kornél Mundruczó? che ha diretto un film molto bello ed evocativo come Delta?
      Oppure György Fehér, regista di Twilight, che, secondo me, dovrebbe piacerti molto. Sembrerebbe proprio nelle tue corde.

      Elimina
    4. Ovviamente no, ma sono già tra i Vv, grazie!

      Elimina
  2. L'ho visto di recente e ti dirò che mi è piaciuto, non quanto Dealer, ma tanto da indurmi a completare il prima possibile la filmografia di Fliegauf. Ci sono segmenti che inqueitano forte, tipo quello del padre inorridito dallo sviluppo della figlia ed altri dannatamente curiosi(che cavolo guardano i due tipi nel garage?)... Ad ogni modo resta, come giustamente fai notare, una visione particolarmente difficile, solo per cerchie ristrettissime, come noi d'altronde :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Dealer era piaciuto molto anche a me. Questo è particolare, forse troppo. L'episodio del padre inorridito dalla procacità della figlia è davvero incredibile. L'ultimo, Just the wind, mi incuriosisce molto; sembrerebbe, dalla trama, un film bello e complesso.

      Elimina
    2. Combinazione, di Fliegauf hai visto anche Tejùt (Milky Way)? Perchè stò sudando a trovare una fonte attendibile, sono mesi che lo cerco...

      Elimina
  3. Forse due le ho trovate. Una ha i sub spagnoli impressi. L'altra è (dovrebbe essere) in inglese. Se vuoi.... (magari, però sarebbe meglio che controllassi prima)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, saresti così gentile da mandarmi una email con i link? Grazie :)

      Elimina
  4. ragazzi sareste cosi gentili da mandarmi il link dei torrent di Forest e Dealer?
    io ho trovato solo Womb! :)

    RispondiElimina
  5. Ho visto Womb e lo considero un capolavoro

    RispondiElimina